Bhutan, Primo Paese al Mondo a Raggiungere la Sterilizzazione e Vaccinazione del 100% dei Cani Randagi

stray dog wooden planks abandoned area with sad eyes animal welfare social photo scaled

Il Regno del Bhutan ha segnato un traguardo storico nel campo del benessere animale e della salute pubblica, diventando il primo paese al mondo a dichiarare che l’intera popolazione di cani randagi è stata completamente sterilizzata e vaccinata. Questo successo è il risultato di anni di investimenti in un programma di gestione umana dei cani, realizzato in collaborazione con la charity globale per gli animali, Humane Society International (HSI).

Durante la cerimonia di chiusura del Progetto Nazionale per la Gestione della Popolazione Canina e il Controllo della Rabbia, tenutasi nella capitale Thimphu e presieduta dal Primo Ministro del Bhutan, Dr. Lotay Tshering, il Governo Reale del Bhutan ha annunciato questo importante traguardo.

Il Primo Ministro Tshering ha consegnato ad HSI una targa in segno di riconoscimento per il loro “costante e incrollabile supporto” all’iniziativa di welfare dei cani randagi del Bhutan, iniziata nel 2009 e proseguita fino alla sua conclusione, onorando così oltre un decennio di lavoro intensivo per la sterilizzazione, la vaccinazione e le iniziative di coinvolgimento della comunità portate avanti dal Bhutan in partnership con HSI.

Dal suo inizio, il progetto ha sterilizzato e vaccinato oltre 150.000 cani randagi e microchippato 32.000 cani domestici.

In Asia, si stima che ci siano circa 300 milioni di cani randagi che lottano contro la fame, malattie non trattate, infezioni parassitarie, tumori trasmissibili, ferite causate da incidenti stradali, oltre a persecuzioni dirette e abbattimenti crudeli. Senza programmi efficaci di sterilizzazione e vaccinazione, le popolazioni di cani randagi possono aumentare fino a numeri insostenibili, aggravando il rischio di morsi e la diffusione della rabbia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che circa 59.000 persone muoiano ogni anno di rabbia a livello globale, con la maggior parte dei casi di rabbia umana risultanti da morsi di cane. I governi asiatici ricorrono regolarmente a metodi inumani per gestire i cani randagi, come l’abbattimento e l’alloggiamento di massa.

Nel 2009, riconoscendo le problematiche sociali e di benessere animale legate ai cani randagi, il governo del Bhutan ha invitato HSI a facilitare un approccio umano alla gestione della considerevole popolazione canina del paese. HSI ha implementato un programma pilota di sterilizzazione, castrazione e vaccinazione per i cani nella città capitale. Questa iniziativa è stata in seguito estesa a livello nazionale, diventando il Progetto Nazionale per la Gestione della Popolazione Canina e il Controllo della Rabbia in Bhutan.

Dopo il successo del programma pilota, HSI ha formato oltre 35 veterinari e personale bhutanese in tecniche di sterilizzazione/neutering di alto volume e alta qualità, e un’iniziativa di coinvolgimento della comunità è stata integrata nel programma per migliorare la consapevolezza pubblica sul benessere dei cani e mitigare il conflitto uomo-cane.

Alla cerimonia di chiusura, il Primo Ministro Tshering ha congratulato i rappresentanti, inclusi i de-suups (volontari della comunità) di tutti i dzongkhags (distretti) del Bhutan per il loro successo nel catturare, sterilizzare e vaccinare i cani randagi. “Questo potrebbe sembrare un piccolo passo, ma contribuirà grandemente alla costruzione della nazione. Il programma ha ricevuto questa spinta grazie alla direzione di Sua Maestà. Non sarebbe stato possibile senza i migliaia di de-suups. Questo è un raduno storico, non solo per la nazione ma a livello globale,” ha detto il Primo Ministro Tshering.

“HSI non avrebbe potuto trovare un partner più impegnato nella gestione umana dei cani randagi del Governo Reale del Bhutan,” ha detto Keren Nazareth, direttore senior degli animali da compagnia e dell’engagement di HSI/India, che ha lavorato a stretto contatto con il programma bhutanese dal 2015. “È stato un lungo viaggio insieme con costante apprendimento e adattamento, ma fin dall’inizio, il Governo si è impegnato, il che ci ha permesso di migliorare costantemente il programma. Congratulazioni al popolo del Bhutan per questo straordinario successo amico dei cani che porta anche enormi benefici alle comunità locali.”

“È un risultato notevole che speriamo mostri la strada da seguire ai governi di tutta l’Asia che affrontano anche loro le sfide dei cani randagi. C’è molto da imparare dal Bhutan, inclusa la sua determinazione e compassione nel creare una coesistenza più pacifica tra persone e cani,” ha continuato Nazareth.

Fonte: World Animal News

crocchette promo 1 sacco
crocchette promo 1 sacco

Categorie

Ti chiamiamo noi
Ti chiamiamo noi
Domande, dubbi, problemi? Siamo qui per aiutarti!
Connessione...
Compila i campi e ti chiameremo al più presto.
I nostri operatori sono impegnati. Per favore, riprova più tardi
:
: :

Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la nostra privacy policy
Hai domande? Scrivici!
:
:

Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la nostra privacy policy
Ti chiameremo presto